Non un pezzo di pane

Quando muore il vicino di casa quello buono di solito la frase ricorrente delle signore del vicinato e degli amici è sempre “era un pezzo di pane”.
Non so quanto questa espressione sia diffusa nel resto d’Italia ma dalle mie parti rende bene l’idea della persona paciosa, sempre disponibile, mite e affabile.
Quando sento parlare della , presidente della provincia de L’Aquila è come se uno scolaretto si mettesse a strisciare il gesso nuovo sulla lavagna, come se un concerto di forchette su piatto vuoto martellasse i miei incisivi.
La Pezzopane sì, quella che a macerie ancora fumanti già protestava contro il Governo, quella che nei giorni successivi criticava la per i disservizi, come lamentarsi in trincea che non arriva l’idraulico a riparare la latrina.
Proprio lei la Pezzop……. ahhhh, non ce la faccio.
Beh, adesso è tutta presa a farsi fotografare con e gli amici del mancato africano Veltroni, e .
Una signora gagliarda, piccola di statura ma che batte i pugni quando serve e che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, un’energumena tascabile.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi articolo precedente:
Un treno di polemiche

Ormai lo scontro sulle unioni civili non lo si fa più nelle aule del parlamento , ne è una prova...

Chiudi