il fascino delle manette

il fascino delle manette ha trovato un popolo pronto ad accettarla. È stata la perdita dell’innocenza, è stata la pubertà della Repubblica, dove non schiacciavamo brufoli ma vite umane. Ad ogni brufolo potremmo dare un nome. il pus come vasi sanguigni divelti, vene nei colli taurini che si gonfiano strangolati da abborracciati cappi fatti di lenzuola intrise di sangue e lagrime, appese alle bronzee sbarre che racchiudevano i presunti rei.

Eccoli i nostri eroi, sbattuti in prima pagina, con le loro toghe svolazzanti frustate dal vento di ribellione, avvisi di garanzia che pesano come are, novelle rock star dal congiuntivo psichedelico, mascagne impomatate che dinnanzi alla brezza resistono resistono resistono. Il rumor dei passi sul freddo marmo incute ancor timore nei palazzi del potere. Ma di chi è la colpa? E chi è il carnefice? Quel che è certo è che gli italiani riuniti attorno alla tv a vedere Un giorno in Pretura, coi volti trasfigurati d’odio, non erano poi così dissimili dagli antichi romani che facevano il tifo per i leoni, sabbia dell’arena, ghiaione, polvere e siero, e la bava di felini che anelano il pasto e che si stiracchiano al sole della giustizia. Ora le fiere, consumato il loro pasto, ritornano pigramente nei loro antri maleodoranti, satolle dal bolo appena consumato con brandelli di carne che penzolano ai rasoi ossei che da lontano paiono pezzi di Costituzione; i ventri molli che ballonzolano ebbri di gioia infantile, danzano in festa attorno alla carcassa che già si disfa in rivoli cremisi.

Chi ritorna dal Colosseo e racconta le gesta ai figli usa iperboli nel descrivere la mattanza, poscia soddisfatti si ritirano nella propria stanza nella convinzione che il sangue di un vinto possa essere la base per un mondo migliore.

Fritzvaldt & Giannantoni (collaboratore)

Martin Sileno

collaudatore di illusioni, menefreghista e blogger

Ti potrebbe interessare anche...

2 Risposte

  1. Holly! scrive:

    in fondo è normalissimo che un paese funzioni a colpi di mazzette.
    è normale che un cittadino qualsiasi con la sola pretesa di poter sopravvivere, per fare un qualunque lavoro debba essere costretto a prostrarsi ad un sistema marcio
    è normale la mafia dentro lo stato.
    è normale tutto, gli unici anormali sono i giudici (e sono pure comunisti).
    il voto di scambio, gli appalti truccati (le donne truccate). i solddi i delle mazzette buttati in tutta fretta al cesso, o dalla finestra.
    che bello era fare l’imprenditore. mica dovevi seguire le pallosissime regole. pagavi e tutto era a posto. niente burocrazia, niente scocciatute. paghi e hai quello che vuoi.
    -io voglio costruire là, in quel promontorio così bello e immacolato.
    -non si può
    -ah
    -ne hai soldi?
    -si, tieni
    – va bene domani ti faccio avere i permessi

    poverini tutti, tutti poverini. erano solo vittime del sistema!!

    ma accabbadda po caridadi,,,

  2. MisterSil scrive:

    E pensare che quando i magistrati erano veramente magistrati e non eroi, divi, o agit-prop, si rifiutavano persino di salutare un vicino di casa se lo incontravano per strada. Per non dare adito neanche al sospetto di potere essere parziali verso qualcuno. Oggi sono come i cantanti o i calciatori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)