Nazionalcalcismo

NazionalcalcismoLa sinistra italiana ha storicamente avuto il merito di porre il problema dell’integrazione dell’immigrato, nel riconoscerne i diritti ed agevolarne inserimento nella società. Un processo inesorabile, che tra omissioni e qualche distinguo tra i duri e puri, i quali affrontano il tema dell’accoglienza senza prendere in considerazione nessun paletto vincolante. La destra, decisamente più conservatrice, è anch’essa su posizioni più morbide rispetto al passato.
Esiste solo un posto capace di infiammare e tirare a lucido gli ultimi rigurgiti di . L’italiano infatti non pare turbato di mettersi in fila per esercitare il proprio diritto di voto accanto al vicino di casa Mustapha, tuttavia incomincia a porsi il problema ed a mugugnare ad una possibile convocazione del brasiliano , che toglie il lavoro ai bomber italiani, direbbe qualche leghista. E mentre negli stadi si sentono cori vergognosi nei confronti di Balotelli “non ci sono neri italiani”, quasi che la sua presenza di un nero potesse guastare l’italica etnia, parrebbe quasi che, mentre la società si sposta altrove, il calcio italiano flirti ancora con gli ultimi rigurgiti di .
Ecco perché le recenti dichiarazioni di Giampaolo non stupiscono affatto “Amauri in azzurro? La questione mi dà un po’ fastidio. Un conto è essere metà e metà, un conto è non aver niente a che vedere con l’” come a dire, passi pure l’italiano meticcio, sia con magari un trisavolo italiano, ma guai a prendere il passaporto (e soffiargli il posto) senza avere un parente prossimo. Scopriamo quindi che perfino tra naturalizzati esiste una sfumatura a decrescere di , che possono si esercitare i propri diritti prestando servizio militare, pagando le tasse, votando, ma non ad inseguire un pallone con la maglia azzurro-Savoia.
Quel che appare bizzarro è che fu lo stesso fascismo ad inventare il fenomeno degli oriundi, dimostrando più pragmatismo che cieco nazionalismo. la spedizione del ’34 di Vittorio Pozzo ne schierava 7 su 16 convocati, tra cui la mezzala argentina che con l’argentina vinse la medaglia d’argento nella olimpiade di Asterdam. Eppure la sembra essere una cosa a parte, forse l’ultimo baluardo di patriottismo rimastoci, e forse proprio più difficile ad adeguarsi al mondo che gli cambia attorno

Martin Sileno (redattore)

Martin Sileno

collaudatore di illusioni, menefreghista e blogger

Ti potrebbe interessare anche...

1 Risposta

  1. Damiano scrive:

    Io sono juventino fino al midollo ma sono contrarissimo alla convocazione di Amauri in Nazionale.
    Detto questo, però, sottolineo alcune cose:

    1) queste dichiarazioni avrei preferito sentirle da altri giocatori della Nazionale e non da uno che si gioca il posto ai Mondiali con lo juventino e che quindi parla di principi ma in verità pensa al proprio interesse

    2)Se per la legge italiana lui può avere il passaporto ed essere quindi convocato, c’è poco da stare a discutere

    3)Credo che Lippi non sia stato molto contento (eufemismo) per queste dichiarazioni di Pazzini

    4) Casualmente questi casini succedono sempre per i giocatori naturalizzati della Juve (vedesi anche Camoranesi).
    Non ho visto altrettanto casino quando in queste settimane si è parlato di convocare Thiago Motta o Zarate…nè ho visto levate di scudi quando Fiona May vinceva l’oro nel salto in lungo o Josefa Idem quelle del canotaggio….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)