Flashforward

flashforward-logo_533x290Sbarca in Italia la nuova americana che ha fatto sbrodolare anche il nostro ipercritico Aldone Grasso. Come dargli torto. Ormai queste produzioni hanno budget sempre più elevati ed attori di prim’ordine che provengono dal grande schermo, che rendono il prodotto di alta qualità. Gli stessi network televisivi puntano grosso su questo format essendo meno soggetto agli strali della pirateria, a differenza delle pellicole cinematografiche che quando sbarcano sulla tv generalista sono già straold. La nuova si chiama e ribalta il meccanismo vecchio come il cucco ma che ha fatto le fortune del serial cult , ossia il flashback. E le scene iniziali dell’episodio pilota strizzano l’occhio alla creazione di J.J. Abrams, con una situazione caotica che ricorda il mitico risveglio di Jack Shepard sulla spiaggia dell’Isola e la sua folle corsa per riuscire a salvare il maggior numero di vite umane scampate al disastro aereo. Consapevoli di ciò, gli autori di Flashforward hanno infilato in un’inquadratura il cartellone della compagnia aerea Oceanic. Fatto il doveroso omaggio però la serie prosegue con un piglio degno delle prime due stagioni di , certamente le migliori. L’incipit che scatena la storia è intrigante: per ben 2 minuti e 17 secondi tutta l’umanità cade in un sonno apparente, un’enorme svenimento di massa. Durante quello che verrà poi chiamato Blackout, la coscienza di ciascuno verrà proiettata sei mesi nel futuro e per quei fatidici 137 secondi ogni personaggio aprirà una finestra su ciò che sarà. Da quel momento in poi, il destino sembra incombere su tutti e più si cerca di allontanarsi dal possibile futuro visto durante il blackout più la visione sembra avverarsi. La serie ha ritmo a metà tra il thriller e l’investigativo, con protagonista un agente dell’FBI che indagherà per scoprire cosa ha causato il fenomeno e se questo potrebbe ripresentarsi. Speriamo che il punto di forza di questi format, ossia la serialità che rende possibile un racconto ad ampio respiro e dei personaggi ben tratteggiati, poi non si riveli un boomerang come accaduto con che, nomen omen, si è perso nelle mille capriole della trama tirata un po’ troppo per le lunghe.

Rudy Basilico Turturro (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)