Anche le aragoste hanno un’anima

Approvata persino dagli più incalliti, arriva la per le aragoste.
I prelibati animali, che vanno incontro ad una terribile morte per bollitura, da ora in poi potranno essere storditi e morire in modo dignitoso, nell’arco di pochi secondi.

Il colpo di genio è venuto a , imprenditore a capo dell’azienda inglese .

Parliamo del , la prima camera di morte per aragoste. Le dimensioni sono quelle di un forno a microonde. Il contenitore ha al suo interno una spugna bagnata ed un elettrodo. Il morituro viene posizionato sopra la spugna bagnata. Tramite l’elettrodo, l’ viene stordita ed uccisa nell’arco di 10 secondi, senza praticamente sentire dolore.
Procedimento molto simile a quello della .
Presumibilmente lo stesso procedimento potrebbe essere applicato anche ai granchi (privati delle zampe e poi tagliati in due prima di finire in gustosi sughi o insalate di mare, una fine decisamente sadica).

Il prezzo della macchina non è alla portata di tutte le tasche (si va dai 2800 euro del modello base agli oltre 60 mila del  modello superaccessoriato). Si vocifera anche di una futura direttiva dell’UE che ne raccomandi l’uso nei .

Lapo Pelosini (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

1 Risposta

  1. Rudy Basilico Turturro scrive:

    La fine dei granchi, bolliti vivi, mi ha sempre fatto pensare ad una bolgia infernale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)