Dies Irap

Dies Irap

il sapote del potere

Quanti egagri pascolano beoti nell’irco dolce di Roma. Quando sibilano i politicanti, tronfi del loro titolo, a noi si formano fastidiosi egilopi che appesantiscono le palpebre, gonfie come i palloni emostatici che si librano in cielo. Una certa acidità s’infonde nell’epigastrio, come uno sciame di fasmoidei col loro apparato boccale masticatore, che ronzano come tafani. Sanbabilini che s’aggirano nella Capitale della produttività, che febbrilmente biascicano oscure formule come sapodille frustate dal vento; i loro sapoti che cadono sul terreno e sbomicano effluvi zuccherini nutrendo i vermi della finanza.

L’, questa fastidiosa imposta che campeggia su scartafacci logori, un’oscena scenomorfia che nelle più alte intenzioni doveva foraggiare gran parte della bella sanità. Ora lo sbombone scarpezza per depennare l’odiato tributo, mentre il ministro orrisce dinnanzi a siffatta proposta.

Il deforme prometeo s’alza e avanza: ci vuol male.

Fritzvaldt & Giannantoni (collaboratore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)