Emmanuel Adebayor

È successo tutto all’improvviso, improvvisamente hanno cominciato a sparare contro il nostro pullman. I proiettili arrivavano da tutte le parti, il pullman si è fermato perché il nostro autista era stato colpito e ucciso e noi non sapevano come fare, ci siamo riparati sotto i sedili e dietro le valigie, con i proiettili che ci fischiavano sopra la testa e i feriti che si lamentavano. La è durata una trentina di minuti e se sono qui a parlare con voi è grazie agli uomini della nostra scorta che ci seguivano su due auto, altrimenti sarei morto.
È con loro che poi abbiamo portato i feriti in un vicino ospedale ed è là che abbiamo cominciato a renderci conto di quanto era successo, io non riuscivo a smettere di piangere per il dolore per le persone uccise e ferite ma anche per lo choc subito.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)