Marco Columbro

nasce nel gennaio 2002 all’ospedale di Novara.

Nella sua vita precedente, Marco è stato un attore di teatro quotato, nonchè uno showman e personaggio televisivo. Dall’esordio in Rai nel 1979, Marco Columbro passa alle tv berlusconiane. Inizia doppiando il , per poi arrivare, in una carriera lunga parecchi anni, a condurre , , nonchè a recitare in fiction di assoluto successo come e . Faccia pulita, personaggi positivi e bonari, sorriso accattivante: Marco è il papà che tutti vorrebbero, il collega di lavoro amato da tutti, il marito dal baffo rassicurante.

Marco muore tragicamente nel dicembre 2001, quando gli scoppia un’arteria nel cervello. , dicono i medici che lo ricoverano all’ospedale di Biella, per poi tentare il tutto per tutto all’ospedale di Novara. E’ la morte del Marco Columbro showman e uomo di spettacolo. Negli anni ’90 Marco, fervente buddhista, viaggerà in Tibet e arriverà persino ad incontrare il . Concetti come la reincarnazione sono pane per i suoi denti.

Dopo essere morto nel dicembre 2001, Marco Columbro nasce tre settimane dopo. Una delle prime telefonate che riceve sono le congratulazioni di Silvio , che, ignaro della tremenda gaffe, lo informa della morte del padre, avvenuta nelle tre settimane intercorse tra la sua morte e la nascita.

Il giovane Marco continua a recitare, come nella sua vita precedente, ma lontano dai fasti della TV. Si divide tra le scene e l’ biologico che gestisce in . Ma soprattutto Marco ha dei nuovi amici, che incontrerà tra qualche anno.
“Nel 2012 ci sarà un’ invasione pacifica dei nostri . Sarà una chiara manifestazione fisica della loro esistenza, un evento che annullerà le bugie che da 60 anni ci raccontano i governi”.

Con un inusuale sincretismo buddista-ufologico, Marco è convinto che i fratelli cosmici non siano cattivi, anzi ci aiuteranno a capire chi siamo e da dove veniamo. “Gli ci diranno esattamente da dove veniamo, a partire dal fatto che il nostro dna è stato portato qui su un’astronave. Ci insegneranno a riattivare quella parte di dna che ci è stata volutamente staccata per mantenerci inferiori. Sapremo la verità, diventeremo esseri di grande livello intellettuale e spirituale. Per noi sarà la fine di un mondo e l’ inizio di un altro, migliore“.

Marco nega di aver avuto esperienze particolari durante il , ma d’altro canto afferma che gli alieni “…sono tra di noi da decine di anni, con incarichi anche molto importanti. Sfruttano i cosiddetti walk-in, in cui le anime extraterrestri propongono all’ umano un accordo: salvare il suo corpo dalla morte prendendone possesso. Così durante il coma esce l’anima della persona e entra l’alieno. Altri arrivano con le astronavi e, dopo aver seguito dei corsi sulle nostre abitudini, vengono inseriti nella popolazione“.

Chiediamo gentilmente all’alieno che si è impossessato di Columbro di renderci il Marco che presentava innocui sketch con la Cuccarini. Marco, ci manchi, torna tra noi!

I termini più cercati:

Lapo Pelosini (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

2 Risposte

  1. Damiano scrive:

    Ogni volta mi fate prendere un colpo perchè quando vedo queste foto e i titoli mi sembra che sia morta la persona in questione (vedesi l’altra volta con Gigi Sammarchi) :-)

  2. francesco scrive:

    La mia senzazione interiore ormai da anni è quella che quanto asserisce Marco Columbro sia la “verità”, essi lavorano……. dentro di noi , cercando sempre di più di farci capire e sentire una diversa realtà rispetto a quella che noi umani viviamo…… forse è arrivato il tempo………di capirci un pò di più…….

    Per gli scettici……. provate a trovarvi in una stanza confortevole,nella posizione sdraiata senza muovere il corpo, create il cosidetto “vuoto mentale”….. dopo almeno 10 minuti iniziate a chiedere su quanto sopra indicato sui ” fratelli cosmici”……….

    chissà se anche a voi come successo a me nel tempo……. avrete le mie stesse senzazioni……

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)