Hybris, malattia dell’anima

Hybris, malattia dell\'animaNel giorno del , sulle pagine del Foglio Camillo Langone lascia una “preghiera”.

-Sarà interessante, la visione cristianista (che è ben diverso da cristiana) del Foglio è molto interessante-…-ah, il giornale di quel venduto che è passato da Lotta Continua a servo di Berlusconi, ma come si fa a dargli retta?-…-mercoledì delle ceneri, ma ancora qualcuno che nel 2010 si lascia intortare dalla religione?-…-sentiamo, finalmente una preghiera anziché il solito gossip-…

E’ come se riuscissi già a leggerli molti dei vostri pensieri: ho scritto una sola frase, ma sono consapevole che tanto basta per sollevare in ogni lettore plurimi istinti.

Se vorrete, permettetemi di suggerirvi l’esercizio temporaneo di astrarre dalle vostre inclinazioni politiche e religiose, e da preferenze riguardo agli organi di informazione.

Perché dopo un preambolo che potrebbe risultare fastidioso a cattolici come non, ed un riferimento politico evitabile, Camillo Langone regala un pensiero meritevole di riflessione.

Riferendosi al gesto di ricevere in capo le ceneri, dice: E’ il contrario di tingersi:è ingrigirsi. E’ il contrario di fingersi: è autenticarsi. E’ riconoscere il proprio ruolo, non esattamente centrale. Tutto ciò nella giornata mondiale della lotta contro la , la più grave malattia dell’anima.

Hybris è un termine mutuato dal greco antico, utilizzato nel teatro come nella letteratura. La sua traduzione sarebbe letteralmente “eccesso”, inteso come , prevaricazione, orgoglio. Nella Grecia classica il termine era di uso giuridico per identificare reati non necessariamente contraddistinti da una specifica azione, bensì dalla volontà di umiliazione dell’altro. E per chiudere il cerchio e comprendere definitivamente l’intimo significato del termine, basti ricordare che nella mitologia si macchiava di Hybris colui che osava sfidare gli Dei.

Che siamo o non siamo credenti non fa importanza, quel richiamo alla giornata mondiale della lotta contro la Hybris è un gioiellino che non merita di essere nascosto dietro muri ideologici, fragili come il cartone ma da noi eretti talmente alti da non riuscire a comprenderne la scarsa resistenza.

Hybris è prevaricazione.

E il termine prevaricazione implica l’abuso di un soggetto ai danni di un altro. A volte per puro perverso diletto, più spesso per il raggiungimento di una affermazione personale.

Pure la Hybris non nega l’importanza dell’individualità. La colpa infatti non risiede nel ricercare un continuo miglioramento e affermazione di sé stesso. Essa viene individuata solo ed esclusivamente nella tracotanza: in senso assoluto (sfidare Dio nella visione classica, eccesso di egocentrismo ed esibizionismo nel più banale quotidiano), o in senso relativo se ottenuto tramite umiliazione di altri.

Il richiamo alla lotta contro la Hybris definita come “la più grave malattia dell’anima” è un monito contro chi cerca la felicità come pure appagamento di sé. Una vittoria che resterebbe confinata nell’isolamento del proprio ego.

Lord Byron sosteneva che “tutti coloro che conquistano la felicità dovranno dividerla, poiché la felicità è nata gemella”. Ma con chi condivideremo questa felicità se essa nasce da una pulsione puramente egoista? Finiremmo con il secernere nuova infelicità, anche perché, come scriveva Francis Scott Fitzgerald, “quando si è soli nel corpo e nello spirito si ha bisogno di solitudine, e la solitudine genera altra solitudine”.

L’idea della lotta alla Hybris non deve risiedere altro che nella consapevolezza che la ricerca della felicità non deve limitarsi a percorrere unicamente la strada dell’Ego.

Alla visione del film “La ricerca della felicità” chi scrive non nega che fece seguire un fiume inaspettato di lacrime (ma tante! E i precedenti film di Muccino non mi avevano entusiasmato). A smuovere le acque (mie, interiori) non furono le peripezie, i dolori, le umiliazioni del personaggio interpretato da Will Smith. Né un sentimento di rivalsa e appagamento per la costanza, coraggio e dedizione con le quali l’uomo aveva raggiunto il successo. Ma la consapevolezza di aver chiuso un capitolo disumano di sofferenza, precarietà e instabilità nella crescita del figlio, che da quel momento avrebbe potuto conoscere stabilità e serenità come la cornice dell’amore del padre.

Quella felicità era autentica, e non era per sé stesso: era per suo figlio.

Forse sono (o suonano, onestamente non lo so) troppo da “penitente” le parole di Langone. Autenticarsi potrebbe voler dire proprio rivendicare il proprio ruolo centrale in questo mondo.

Dono di Dio, o di Chtulhu, o frutto del Kaos che vogliate, siamo stati accessoriati di anima rivestita da un corpo. Quello stesso Dio o Kaos ci ha investito della responsabilità e unicità di poter scegliere come disporne.

Riconoscere la Hybris come grave malattia dell’anima mi sembra un buon inizio.

I termini più cercati:

Masonmerton (collaboratore)

Ti potrebbe interessare anche...

6 Risposte

  1. MisterSil scrive:

    Ma sono peggio le malattie dell’anima o q

  2. MisterSil scrive:

    Ma è peggio la malattiia dell’anima o quella del cervello? Vedi alle voci “Infantilizzazione della società”, “Witold Gombrowicz”.

  3. Mason scrive:

    Difficile rispondere…anche perchè sfortunatamente non mi sentirei di escludere la concreta eventualità che possano in alcune (molte?!?!) occasioni alimentarsi vicendevolmente…

  4. zioTex scrive:

    Il problema è che l’uomo moderno ciba soltanto il corpo e non si cura minimamente dell’anima. E pensare che ci vorrebbe poco, aldilà della religione che da sola farebbe allo scopo più che egregiamente, basterebbe aggiungere al vivere quotidiano delle sane letture, di tutti i tipi, e trovare in esse quel qualcosa che appaga il desiderio intimo di tendere all’ Assoluto insito nell’uomo e che lo differenzia da tutti gli altri animali. Qualcuno lo chiama anche sete di conoscenza e ben venga anche questa definizione proprio perchè chi sa .. sa di non sapere abbastanza o quanto vorrebbe.
    Come riflessione vorrei portare una predica del nostro vescovo, uno che lascia il segno quando sale sul pulpito e spesso interrotto da applausi a scena aperta (si applausi in chiesa) e badate bene ne ascolto al
    massimo 2 all’anno, non sono certo un bigotto che vuole evangelizzare chicchessia. Però come sono stato colpito io ve ne voglio fare partecipi .. brevemente:
    quanto tempo dedicate alla cura del corpo tutti i santi giorni e con quanti prodotti o esercizi fisici, tutti volti al benessere fisico …o le energie spese per abbellire la casa e dotarla di tutti i comfort possibili .. e pensare che quando verrà l’ora il vostro corpo avrà bisogno solo di una cassetta di legno larga 60 cm per 200 e in poco tempo si decomporrà del tutto .. mentre l’anima che è immortale (l’idea credo piaccia a tutti atei compresi) verrà proiettata in una dimensione eterna senza la dovuta preparazione …
    naturalmente era rivolta principalmente ai fedeli, ai presenti, i quali non sono poi così tanto differenti da quelli che non bazzicano chiese .. anzi spesso predicano bene e razzolano male ..
    La questione “chi siamo da dove veniamo dove andiamo” è sempre aperta e in qualche modo bisogna affrontarla per dar pace a quella vocina interiore che spesso si fa sentire come grido dirompente ..
    anyway ottimo articolo come sempre

  5. Mason scrive:

    Per accogliere nel suo primo lebbrosario i bisognosi di cure, per non fare distinzioni tra le mille religioni dell’India ed aiutare i malati a sentirsi tutti a loro agio, Madre Teresa di Calcutta aveva appeso alle pareti riferimenti religiosi e pagani di ogni genere.
    Tra questi primeggiava un quadretto con un monito induista, che recita più o meno così:
    “Se hai due pezzi di pane, uno donalo ai poveri.
    L’altro vendilo, e con il ricavato compra qualcosa per sfamare la tua anima”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)