A scuola protetti

A scuola protetti Non si sa mai che ci scappi la sveltina in bagno, che la professoressa non ceda alla mano infilata nel perizoma o che la compagnetta non conceda di cogliere il suo fiore durante l’ora di ricreazione o che il bidello abbia bisogno di scaricare lo stress. E che fai? Devi correre in farmacia, al centro commerciale, in una tabaccheria o a casa nel comodino di papà? Ma no, vai al distributore che c’è a , vicino al bagno (così nel caso non ti devi nemmeno spostare troppo dal luogo dell’ammmore) e il gioco è fatto! Comodo, non c’è che dire.
Una scuola che abdica su tutto e china la testa, che permette il bullismo anche contro i portatori di handicap (ops scusate “i disabili”, ops scusate “i diversamente abili”) decide di prendersi cura dei portatori di testosterone schi(z)zofrenico, i diversamente domatori di pistolino nelle mutande.
Interessante.
Ora come al solito ci saranno due fazioni: la prima è quella della libertà sessuale come principio assoluto, lo stesso che ha portato in Olanda, in nome della stessa libertà, alla costituzione del partito pedofilo (attenzione non per lo stupro ma per i bambini consenzienti) e quelli che si mettono il prosciutto negli occhi e vogliono negare l’evidenza del fatto che il tra adolescenti è diffuso quanto i dischi di Laura Pausini in Messico.
In realtà la questione è un’altra ed è una questione che senza andare a scomodare il sesso, la sessuofobia, il libertinaggio e la procreazione responsabile riguarda una questione meramente di principio.
Mi chiedo anche che cosa ci facciano le distributrici di caffè, cappuccino e merendine la cui presenza fino agli anni novanta era impensabile se non in sala o in bidelleria mentre ora, in molti istituti è nell’andito a disposizione di tutti.
Non è raro quindi che venga istituzionalizzato un pianerottolo sulle scale di emergenza per fumare (una pausa sigaretta non ufficializzata ma tollerata), o che si vedano in giro ragazzi con il bicchiere di caffè in mano in giro per gli anditi o con il berretto con la visiera in classe che spippolano l’Ipod durante il compito in classe.
Eh, lo so, i tempi sono cambiati.
Ridurre il ragionamento al fatto che una fiesta o un caffè liofilizzato non fa male a nessuno non è affrontare il problema ma buttarlo in caciara. Perché poi ci si chiede perché i ragazzi di oggi non hanno più rispetto per i professori, per i genitori, per il proprio corpo e per quello degli altri o perché la scuola non è più quella di una volta.
Tornando a bomba sull’argomento, la scuola è il luogo preposto per la distribuzione a basso prezzo dei copricapo in lattice?
Io tenderei a rispettare le idee e le decisioni di tutti, pur essendo critico sul preservativo come toccasana ai mali del sesso, ma mi chiedo, perché a scuola? Si possono comprare ovunque, mi è capitato più di una volta che mi fermassero per strada per regalarmene un paio, è pieno di distributori esterni nelle farmacie che in qualche modo, volendo, preservano anche l’anonimato, ma perché a scuola?
Perché no? Per lo stesso motivo per cui al palazzo del comune non vendo i vibratori nel palazzo dell’INPS non ci sono le slot machines.
Mi piacerebbe che i dirigenti scolastici dell’istituto che ha fatto montare il distributore di profilattici vicino ai bagni della scuola spiegassero il senso della loro iniziativa, magari riescono a convincere anche altri.
A meno che non sia solo un pilatesco lavarsi le mani sul problema o forse il distributore viene alla fine di approfonditi corsi di educazione alla sessualita svolti come materia extrascolatica o all’interno dell’orario di studio?
Sarebbe bello capirlo perché dobbiamo deciderci, o le esistono per tutto o non esistono per nulla e allora viviamo senza paletti e il riferimento al paletto non è casuale.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

4 Risposte

  1. Papa Razzi scrive:

    Del resto perché ricorrere alla contraccezione, quando puoi avere i chierichetti?

  2. Karl Monni scrive:

    La banalizzazione che fai del sesso tra minori, della contracezzione e dei fenomeni come il bullismo è imbarazzante. La ‘questione di principio’ è che non in tutte le scuole abbiamo le lavagne elettroniche e l’insegnamento dell’inglese, ci sono situazioni disperate e peggio da terzo mondo di cui le televisioni che hai guardato per riempire di luoghi comuni questo articolaccio non parlano per non alterare la percezione di mondo ovattato e ridente che intontiscono la casalinga di vogera. Spegni la televisione e fatti un giro nelle scuole di periferia, guarda la realtà nuda e cruda in faccia, che non tutti i licei sono come il visconti di roma con i pariolini con il deca sempre a disposizione nelle orecchie. E cosa centra il bullismo con la contracezzione? Perchè tutto questo astio per i ragazzini che fanno l’amore, sei invidioso? Fallo anche tu invece di perdere tempo con i video di youtube rimbalzati su studio aperto

  3. symbel scrive:

    Io rispetto le idee di tutti compresa quella dei redattori che spesso non condivido e che a loro volta non la pensano come me e siamo tutti d’accordo a non censurare nessun commento, per questo motivo su questo blog si legge di tutto compresi i commenti come il tuo che invece di proporre le proprie opinioni attaccano personalmente chi scrive. Sei passato da una considerazione legittima sull’argomento, basata tuttavia su una cattiva informazione (il distributore non è installato in un liceo malfamato di periferia), a citare la presunta dipendenza televisiva di chi scrive, video di studio aperto, youtube e presunte invidie di tipo sessuale. Che dire, un bel minestrone di violenza verbale e solite banalità. Aufidersen.

  4. Karl Monni scrive:

    Grazie per averci detto che ti è venuta la tentazione di censurare i commenti, questo ti definisce, ma cosa centra con queloo che ho scritto? La mia opinione è propio quella che ho scritto, è il mio giudizio sul tuo modo di pensare, ti può piacere come non ti può piacere, ma se volevi commenti che rispondono a criteri che tu stesso non rispetti dovevate dirlo prima. Anche il mio commento fa parte delle possibili espressioni del pensiero, se la cosa ti disturba non è un mio problema. Violenza verbale? Ma perchè la tua cosa sarebbe? pagliaccio aufiderzein!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)