Quando scompare l’opposizione

Quando scompare l\'opposizione Chi come , in seno al centrosinistra, gongola nell’assistere all’alterco fra e forse dovrebbe riflettere su un dato che ormai è incontrovertibile: il presidente della Camera Gianfranco pian piano sta diventando a pieno titolo il capo dell’.
Il piccolo particolare è che Fini è nel PDL, fino a prova contraria e fino al momento in cui sto scrivendo queste righe.
Il PDL quindi fa tutto, maggioranza e opposizione e quest’ultima meglio di Bersani e persino di Tonino Di Pietro.
La prova del nove è l’immensa popolarità e consenso che gode l’ex leader di AN tra i sostenitori del centrosinistra.
C’è poco da rallegrarsi quindi perché il rischio concreto è che gli indecisi o i tiepidi nei confronti del Cavaliere siano calamitati non tanto dalla , come sarebbe lecito attendersi, ma da una costola della destra.
Fini poi ha un potere non trascurabile, ovvero quello di dividere sia il centrodestra che il centrosinistra, peccato però che dal punto di vista elettorale le sue posizioni siano difficilmente spendibili, perlomeno a destra, a meno che il bacino non diventi un altro e allora per il PD saranno dolori.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)