E se il nucleare non fosse poi così male?

E se il nucleare non fosse poi cosi' male? Negli ultimi anni molti si sono cimentati nell’argomentare i pro e i contro del ritorno al nucleare in Italia ma, come capita di solito nel nostro Paese, l’argomento è diventato motivo di divisione politica e preso a vessillo per fini di mera elettorale.
Lasciando da parte gli slogan e le battaglie sarebbe invece utile capire veramente cosa comporta un ritorno all’energia nuclerare in Italia che negli ultimi tempi, alla luce delle dichiarazioni degli esponenti del governo, da possibile è diventato molto probabile.
Ho preso spunto d riflessione da un articolo pubblicato su Il Riformista da Umberto Minopoli che mi ha dato alcuni elementi per avere un quadro più chiaro sull’argomento che vorrei tentare di esporre in queste righe.
Di solito le discussioni portate dai detrattori del ritorno al nucleare vertono su due filoni principali: l’aspetto economico (“non è conveniente”) è l’aspetto dell’impatto ambientale e sociale (“non è sicura”).
L’impatto emotivo maggiore sulla popolazione è naturalmente costituito da questo secondo filone, lo stesso che ha portato la maggioranza degli italiani a votare NO al famoso referendum del 1987. Proprio su questo voglio provare ad approfondire sfatando alcuni miti grazie a dati oggettivi che ciascuno può verificare con un minimo di navigazione in Rete.
Iniziamo con il dire che nessuna tecnologia è sicura al 100%, basti pensare ai recenti incidenti occorsi su piattaforme petrolifere o in diversi centri di raffinazione di carburanti. Per quanto riguarda le centrali nucleari è interessante sapere che l’unico incidente rilevante nella vita di questo tipo di produzione energetica (60 anni) è stato quello di (55 morti). Si parla di una centrale unica nel suo genere per costruzione e gestione a tal punto che nemmeno in Russia ne esistono più di quel tipo e di un incidente causato esclusivamente da errore umano. Se poi si vuole essere obbiettivi basta prendere lo stesso periodo di tempo dal 1950 a oggi e vedere quanti sono gli incidenti nei settori come l’idroelettrico, il , il carbone, la chimica, la siderurgia e così via e poi mettere in comparazione i risultati. Se prendiamo anche solo i dati relativi alla perdita di vite umane il confronto è impietoso.
Detto questo il vero problema “politico”, nel senso nobile del termine che esclude il concetto di “teatrino”, rimane quello di rispondere ad una ed una sola domanda che pongono i cittadini: “quanto è sicuro vivere vicino ad una centrale nucleare? Quali sono i rischi?”
La centrale nucleare non esplode, al contrario di quello che si pensa non c’è pericolo esplosivo nel processo di generazione dell’energia, nè ci sono rischi occulti o non prevedibili, il più temuto degli incidenti ipotizzabili è il rilascio di radioattività nell’atmosfera. Ebbene, non è mai avvenuto tranne che a Chernobyl e per una ragione elementare: quella centrale, unica al mondo, non aveva un contenitore. Insomma era scoperta. Oggi un territorio in cui è presente una centrale è, addirittura, più sicuro di uno in cui sono presenti impianti industriali o energetici di tipo convenzionale. L’emissione di ogni tipo di rilascio in atmosfera è monitorato e controllato in ogni aspetto. E le norme impongono quantità (solo teoriche) di rilasci ammissibili che sono enormemente inferiori a quelle esistenti per natura o a quelle rilasciate da una radiografia.
Quindi sfatiamo questo mito di fauna e flora deforme nei pressi delle centrali o di pantegane fosforescenti che scorrazzano nella notte, insomma tutte quelle immagini più consone ad una puntata dei Simpsons piuttosto che ad un discorso serio e ponderato sulla sicurezza.
Altro problema annoso per la popolazione che in passato ha generato sommovimenti popolari nelle comunità locali: lo stoccaggio delle .
Da 60 anni le scorie generate dai processi di produzione dell’ vengono trattate, confinate in contenitori sicuri, trasportate e stoccate senza alcun pericolo nelle stesse centrali per anni. E poi spostate in depositi sicuri di cui tutti i Paesi nucleari si dotano, senza particolari timori. Le scorie nucleari sono tra i materiali più conosciuti e dal comportamento prevedibile che l’uomo abbia imparato a trattare e dominare.
Ma allora il discorso sulla problematica di cosa fare delle scorie?
La risposta è nel cominciare a non chiamarle “scorie” infatti oggi è possibile che dai materiali prodotti dal processo nucleare si possa ricavare nuovo combustibile riutilizzabile. E nella quantità del 90% delle vecchie scorie. Non solo. Le tecnologie consentono di ipotizzare un trattamento di tali materiali ridotti: da scorie ad alta attività che dura millenni a scorie a media, bassa attività che durano assai meno nel tempo. Anche il problema dello stoccaggio quindi si riduce notevolmente.
Rimane il discorso tecnico e quello economico la cui divulgazione è spesso affidata a siti o blog che fanno della vera e propria propaganda ideologica mettendo in mezzo le fonti di energia alternativa e pulita che nessuno pensa di trascurare ma che, allo stato attuale, non possono garantire il fabbisogno energetico del nostro Paese.
I costi? Quanto conviene in termini di incidenza sulla ? Che poi è quello che interessa all’uomo comune?
Bene, solo il carbone regge la sfida con la competitività del prezzo di generazione del KWh nucleare. Ma sul carbone pesa il problema dei possibili gravami da carbon tax che ne appesantiranno i costi di produzione.
L’investimento iniziale e quello fisso nel nucleare è alto, questo è innegabile ma una centrale dura 60 anni come minimo e dopo un certo numero di anni l’investimento, che va visto anche in termini occupazionali e di ricerca scientifica, si ripaga e la centrale produce utili che non hanno confronti con quelli di altre fonti.
L’Italia importa quasi l’80% del combustibile (principalmente gas) da pochissimi Paesi (Russia, Algeria soprattutto) e per giunta politicamente instabili. L’Italia ha l’urgenza di smarcarsi da questa dipendenza e poter contare su diverse fonti energetiche. È questo il principale problema del futuro italiano in termini di fabbisogno energetico.
L’Italia non riuscirà mai a centrare l’obiettivo di una riduzione del tasso di immissione di CO2 in atmosfera se non porta, entro il 2020, il peso delle fonti fossili dall’80% attuale a poco più del 50%. Nessun serio e onesto analista della realtà attuale potrà mai affermare che questo possa avvenire con le sole fonti rinnovabili. Il nucleare ce lo consentirebbe.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

7 Risposte

  1. carlo scrive:

    Ho da poco letto un interessante articolo che presentava un alternativa all’uranio usato nelle centrali nucleari, si chiama TORIO. Questo elemento è stato già preso in considerazione in periodo di guerra ma abbandonato perchè poco adatto alla creazione di armi belliche, ma ottimo per la produzione di energia e per l’assorbimento delle scorie. Alcuni ingegneri di tutto il mondo ci stanno lavorando da anni, ma ovviamente servono ingenti somme di denaro per costruire una centrale nucleare al torio. Se i vantaggi che ho letto sono reali (vantaggi per la salute nostra e della natura), sarebbe bello che le future centrali in Italia seguissero questa strada.
    Detto questo sono contro le centrali nucleari all’uranio, perchè pericolose, perchè soggette all’errore umano e come si sa errare è umano. Una dispersione di radioattività crea un danno negli anni e di difficile calcolo, perchè anche se uno non muore quanto avviene il danno potrebbe avere un figlio malformato nei prossimi anni, potrebbe inquinare la terra, l’acqua e poi come si torna indietro? CTRL-Z?

  2. symbel scrive:

    credo che il discorso sull’errore umano vada calibrato alla possibilità che accada e causi una fuoriuscita e pare che nel caso delle centrali nucleari le possibilità siano infinitamente più basse rispetto ad altri tipi di generazione di energia. Non si capisce allora perché tanta campagnia contraria per il nucleare e non per una piattaforma petrolifera (le cronache attuali sono abbastanza esplicative sui disastri che possono causare anche senza l’errore umano) o sulle centrali di raffinazione per i quali le possibilità di malattie gravi alle vie resiratorie per chi ci abita accanto aumentano in percentuale di tantissimo. Ho paura che sia una mera questione ideologica o di panico non basato sui fatti.

  3. giodex scrive:

    Caro Symbel, davvero questa tua presa di posizione a favore del nucleare mi lascia parecchio perplesso.
    Prima di tutto tu fai raffronti tra nucleare e petrolio, parli di sicurezza, parli di incidenti.
    Ma non vedo esempi di problemi legati alla sicurezza e di incidenti che hanno coinvolto pannelli solari e l’eolico. Immagino che magari qualche incidente di percorso ci sia stato ma credo che sia del tutto trascurabile.
    Chernobyl, tu ne parli come se fosse un ricordo del passato, ma io ti esorto a guardarti qualche video su youtube, tipo questo: ttp://www.youtube.com/watch?v=rvAJ_u3Q0Hw
    ma ce ne sono molti.
    Vale davvero la pena rischiare un altra Chernobyl, se anche le possibilità fossero del 1 per 1000 (e non lo sono)? Puo’ l’essere umano davvero prendersi la responsabilità di cambiare la vita di intere generazioni di persone? Tu lo faresti? E poi…. le scorie. Quale contenitore è davvero sicuro? Qui in Italia non ci sono persone che lucrerebbero anche su questo? Noi Italiani siamo in grado di maneggiare le scorie nucleari senza che ci sia un giro poco trasparente magari legato a mafia e camorra? La spazzatura di Napoli sarebbe nulla a confronto.
    Tu terresti uno di questi bidoni di scorie SICURO nel cortile di casa tua? A fianco al tuo scooter con tua madre che ci stende il bucato? Ma siamo seri. NESSUNO lo vorrebbe un bidone in casa. Neanche tu che scrivi queste assurdità. Il nucleare NON è l’unica risorsa alternativa, ma è quella che più farebbe arrichire pochi potenti senza scrupoli, e di certo in Italia non abbasserebbe le tariffe, quella è una sonora presa per il culo. Io voglio l’eolico, voglio i pannelli e voglio le macchine ad idrogeno. Si puo’ vivere meglio rischiando meno.
    giodex

  4. symbel scrive:

    Sarebbe bello che chi commentasse leggesse gli articoli tutti interi e si scopre che si fa un accenno anche all’enerfia pulitia.
    I dati, l’unica cosa che conta, dicono che le centrali nucleari sono più sicure di qualsiasi altra centrale di altro tipo. Con i pannelli solari e l’eolico non soddisfi nemmeno il fabbisogno dello stato di San Marino. Il resto è la solita fuffa complottista non supportata dai fatti. Io il bidone sicuro se mi pagano bene lo tengo anche in giardino, la casa vicino alla raffineria non me la compro manco se mi pagano.

  5. giodex scrive:

    L’articolo l’ho letto tutto intero, ma se tu pensi che chi commenta non a favore di cio’ che scrivi è solo perchè non ha letto tutto l’articolo ….. Cmq quello che tu dici sul fabbisogno non corrisponde a realtà, come già dimostrato dai fatti, sia negli USA , in Olanda e in Germania, tanto per citarne alcuni, dove alcune città sono totalmente gestite da fonti alternative e pulite.(Magari non sono metropoli ma è già un buon inizio) Ma dimenticavo tu non guardi trasmissioni tipo Report che tante volte ne hanno parlato e certo non leggi il blog di Grillo …. tu sei di DESTRA … certe cose non fanno parte del tuo mondo. In ogni caso il nucleare non lo vedremo mai sono pronto a scommetterci, tanto i 12 anni necessari a mandare in funzione una centrale qui in Italia diventeranno 52 … evviva l’Italia.

  6. Martin Sileno scrive:

    la morfologia dell’Italia non permette di riempire terreni di pale eoliche o pannelli solari, e la cosa buffa è che gli stessi ambientalisti italiani si lamentano dell’eccessivo impatto ambientale che comporterebbero queste opere.
    macchine ad idrogeno? una meraviglia, ma finché l’economia mondiale continuerà a basarsi sulla combustione di idrocarburi rimarrà una utopia.oltretutto non dimentichiamoci che per produrre idrogeno serve energia

  7. MenoMale scrive:

    Magari per la costruzione dei muri di contenimento dei reattori useremo lo stesso “cemento” armato adoperato per le travi portanti di molti edifici…di quello che non riesce a superare neanche la prova del “supersantos”…questo è il paese dei costruttori più “furbi” del mondo (con l’avallo dei nostri migliori “statisti”)….c’è poco da fidarsi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)