La saletta che non c’è più

La saletta che non c'è più Il ricordo non è nitido, ha i bordi sfumati, ma chiaro nel contesto: il suono della campanella, un fiume in piena di bambini che sgomita con la cartella sulle spalle per raggiungere il cancello di uscita e lì di fronte, con l’interno un po’ buio e la serranda semi abbassata, l’ingresso del paradiso per i ragazzi e la porta dell’inferno per i genitori: “guai a te se vai nella di fronte, quando esci dritto a casa”. La “saletta”, luogo di mille leggende positive e negative.
Bacino di pescaggio per i malintenzionati che volevano adescare i bambini (ed eravamo in periodi ben lontani dalle cronache attuali) e luogo dove ci si poteva misurare contro i compagni a schiaffeggiare un o torturare un pulsantone rosso nella console di un videogame arcade.
Altri tempi, altre atmosfere quando la scritta principe era “insert coin” e i pixel si vedevano tutti, con i loro contorni, sugli schermi bombati che si affacciavano dai mobili graffiati in legno.
Allora c’erano i gettoni che si cambiavano dall’esercente, quelli con le scanalature al centro, quelli che venivano inghiottiti dal flipper e mai più risputati, il lasciapassare per il parco del divertimento.
Poi vennero i personal computer e si giocava in casa, dopo ancora la console che si collegavano alla tv fino a quelle attuali con una tecnologia talmente avanzata da relegare nell’ambito dell’archeologia quei giochi di appena vent’anni fa.
Ma il fascino rispetto a quelli non è lo stesso, perlomeno per chi li ha conosciuti da ragazzo.
Al giorno d’oggi esistono ancora i flipper e qualche videogame che ha recepito le nuove specifiche tecnologiche del nostro tempo con schermi piatti, audio surround e grafica da videogioco domestico.
Gli unici baluardi dei tempi che furono sono rimasti i flipper, arricchiti al massimo di qualche led luminoso all’ultima moda ma con la stessa vecchia e affascinante dinamica di gioco e i calciobalilla che fanno ancora la loro parte soprattutto in campeggi e oratori.
I flipper però sono destinati pian piano a scomparire per via della manutenzione che richiedono e dell’appeal sempre in diminuzione tra i più giovani. Sono destinati ormai a rimanere vivi solo nelle collezioni di tanti appassionati che non si arrendono all’inesorabile passaggio dei tempi e nei ricordi di chi su quel mobiletto multicolor con il vetro trasparente hanno sperimentato il brivido di marinare la scuola.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)