Nessuno mangia più i bambini

Nessuno mangia più i bambini Che fine hanno fatto i ? Ormai esistono solo nelle manie ossessive del premier e di qualche sparuto berluscones (anche loro ormai in via d’estinzione).
Quando dall’ultima consultazione elettorale venne fuori una definitiva eliminazione delle forze definite “sinistra radicale” dal Parlamento si paventò il rischio che quelle forze politicamente collocate a manca dell’emiciclo parlamentare trovassero sfogo in altre manifestazioni, anche violente. Invece sono semplicemente scomparse, impoverendo forse anche un po’ il teatrino della politica, che ha scoperto nuovi protagonisti della “dichiarazione all’Ansa quotidiana”.
Ma ricordiamoli per un momento tentando di elencare le forze che ancora, almeno sulla carta, si raggruppano all’ombra della falce e del martello.
Abbiamo il Partito della Rifondazione comunista guidato da Paolo Ferrero, poi il Partito dei comunisti italiani di Oliviero Diliberto. Quindi il Partito comunista dei lavoratori di Marco Ferrando, Sinistra critica, ecologista, comunista, femminista di Flavia D’Angeli, Iniziativa comunista di Norberto Natali, il Partito comunista italiano marxista-leninista diretto da Domenico Savio, Lista comunista per il blocco popolare di Pietro Vangeli, il Partito di alternativa comunista e l’ultimo nato dal grembo del leader nascente Nichi , ovvero Rifondazione per la Sinistra, generato da una costola di Rifondazione Comunista.
Tra tutti questi movimenti e partitini che ancora si riconoscono nella grande famiglia dei comunisti gli unici ad emergere dal torpore generale sono appunto questi ultimi, ma soprattutto grazie (o a causa) del protagonismo del governatore pugliese (“poeta del nulla” secondo Marco Rizzo dei Comunisti Italiani) oppure alle storiche battaglie del lavoro sotto la famigerata sigla sindacale più arroccata nelle storiche posizioni della lotta operaia come la Fiom.
Nella settimana degli eroi siamo quindi passati velocemente da Mangano “eroe per noi (Berlusconi e Dell’Utri)”, agli “eroi per noi che siamo onesti (IDV e PD)” Falcone e Borsellino per finire sul giovane “eroe della sua vita (e di Vendola)” il lanciatore di estintori Marco Giuliani, un bel calderone.
Ma così divisi, schiavi anch’essi della dichiarazione che “era solo una provocazione” e impiastricciati nella melassa ideologica a chi fanno ormai paura i comunisti?

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

2 Risposte

  1. Vivalagnagna scrive:

    So rispondere ad un’altra domanda, e cioè che i comunisti non fanno alcuna paura alle persone per bene, quelle che la costituzione non la vogliono cambiare, la vogliono rispettare. Quelli che conoscono molto bene ed hanno capito cosa ha voluto dire il tributo di sangue dei compagni morti in battaglia contro i criminali assetati di odio nazi-fascisti, non solo durante la seconda guerra mondiale.
    I comunisti non sono ‘spariti’, non sono rappresentati in parlamento che è diverso; sono stati cancellati intenzionalmente dall’informazione di regime, mentre le loro propaggini ed espressioni extra-parlamentari sono vive e vitali anche se ignorate, nonostante possano vantare una spontaneità che è rara ed insolita in una democrazia rappresentativa, e che un partito fantoccio come il pdl si può solo sognare. Per contro la percezione che siano spariti è corretta se filtrata dall’informazione di regime, denunciando così quali siano i canali di informazione dell’autore dell’articolo. Saluti
    Ps Manifesto il mio dissenso per la censura arbitraria operata al mio intervento nell’altro post, il quale ancorchè privo di intenti e parole offensive è stato cassato solamente perchè l’autore non ai gradito le critiche che ho espresso.

  2. MisterSil scrive:

    Con questi piccoli che Guevara di panna montata di casa nostra bisogna essere spietati. Anzi crudeli. Direi di più: feroci. Vivalagnagna sei condannato a passare tutta l’estate chino su un buon manuale di storia. Anche se è contro la tua natura e tuoi principi, leggi, rileggi, rileggi ancora e cerca di imparare, nei tuoi limiti si intende.

    p.s. Se ti avanza un po’ di tempo dai un’occhiata anche alla grammatica della lingua italiana. Vogliono fare la rivoluzione e incespicano sulla sintassi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)