I nonnominkia

I nonnominkia I (alcuni declinano anche il plurale con ) sono un fenomeno che è nato prima della Rete ma che ha avuto il suo pieno sviluppo con l’avvento di essa e in particolare dei social network.
Il bimbominkia ha uno status tutto suo che trova maggiore diffusione presso il genere femminile. Ci sono dei tratti caratteristici che permettono di identificare la condizione di bimbominkia, ad esempio l’età che oscilla tra la fine dell’infanzia e la maggiore età. I BM adorano le chat e in generale tutti i luoghi virtuali nei quali si possono comunicare le proprie passioni musicali (Tokio Hotel, Finley, Zero Assoluto…) e cinematografiche impersonificate più che altro da attori bellocci e dannati.
Se ci inoltriamo poi nella selva dei social network e in particolare in Facebook il bimbominkia lo riconosci subito perché infarcisce di cuoricini e sorrisini i suoi status, condivide link in modo forsennato e fanatico, nella foto del profilo la frangetta e le pose davanti allo specchio in bagno la fanno da padrone.
Sui bimbominkia tanto si è scritto e tanto si potrebbe ancora scrivere anche perché chiunque abbia fatto esperienza in rete si è imbattuto in uno di questi ragazzetti o ragazzette con un cavo collegato dalla nuca al monitor del pc. Meno si è invece scritto su un fenomeno speculare che è quello del .
Il nonnominkia generalmente è un uomo, nel genere femminile ci sono ancora pochi riscontri, pensionato, che si è avvicinato all’utilizzo del pc da poco e quindi ha un’alfabetizzazione informatica di base o da moltissimo che quindi ha conoscenze legate al mondo dos. Il nonnominkia partecipa ai forum, interviene, dispensa consigli con commenti prolissi, dalla lunghezza chilometrica. Il nonnominkia manda email alle testate online per comparire sulla posta dei lettori, scrive email personali a politici, amministratori e personaggi dello spettacolo non solo per protestare ma anche per proporre, consigliare, suggerire soluzioni a qualsiasi problema con l’illusione di poter avere voce in capitolo vista la sua esperienza.
Il nonnominkia è convinto di sapere come gira il mondo e non ha il senso della misura. Non sempre un nonnominkia ha un nipote bimbominkia e questo significa che la dispersione delle minkiate è altissima e trasversale in diversi nuclei familiari.
Il nonnominkia è la fortuna e la disperazione dei call center o dei centri di assistenza e riparazione dei PC. Il nonnominkia utilizza la Rete come fonte di ricerca su argomenti astrusi e generalmente, non sapendo fare altro che navigare e leggere o al massimo scaricare la posta elettronica generalmente salva le informazioni che trova scrivendole a penna in bella grafia su un quaderno.
Il “digital divide” piaga dell’avvento delle nuove tecnologie non affligge chi come i bimbominkia e i nonnominkia camminano a braccetto nell’impervio mondo del web saltellando con gioia tra una minkiata e l’altra.

I termini più cercati:

Sergio Puntiglio (collaboratore)

Ti potrebbe interessare anche...

1 Risposta

  1. fede scrive:

    caro Sergio.. quanta verita’ in poche righe
    mi son quasi commossa..
    anche io purtroppo ho a che fare con entrambe le categorie e fra le due la peggio è proprio il NM… mentre il Bm lo puoi convincere che le cose sono così.. e che se facebook non va non è colpa della linea se gli altri siti si aprono.. il Nm ( e qui ti contraddico ma sono paritari femmine e maschi) non sapendo una cippa di niente non li convinci con niente..
    ieri ho avuto a che fare con una nm del ’39 che ha fatto prove di connessione a vari chilometri da casa sua col portatile …
    ho avuto a che fare con nm che chiedono su quali siti piccanti andare…
    e nm che scoperto youtube non ci dormono la notte… e si comprano l’iphone per vedere video tutto il giorno..
    i nostri lavori cominciano ad avere una strana piega di assistenza sociale – geriatrica
    amen..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)