Scazzi in famiglia

Scazzi in famigliaDi non si può dire che sia una cacciatrice di scoop a tutti i costi, anzi l’immagine che ho di lei è quella di una donna tutta casa, chiesa e Woodcock, eppure nel corso dell’ultima puntata di Chi L’ha visto mi si è gelato il sangue nel vedere la leggerezza e freddezza con cui è stata data la notizia della ricerca del cadavere di , col la madre in collegamento fissare la telecamera in stato catatonico. Le attenuanti per una simile mancanza di tatto ci sono, e sarebbe impossibile negarle; la concitazione degli eventi e il loro precipitare hanno preso il sopravvento, tuttavia lo sguardo attonito e perso della povera madre di è francamente una di quelle poche immagini a cui avrei preferito fare a meno di assistere.

Appena lunedì Bruno Vespa, uno a cui il pelo nello stomaco – a differenza della Sciarelli – non fa difetto, nel consueto appuntamento serale Porta a Porta aveva dedicato uno speciale sulla scomparsa di Sarah, con in collegamento sempre la madre, della quale non si poteva fare a meno di apprezzare la (apparente) calma, la dignità e la lucidità nelle risposte. Rivista oggi, a caso svelato, con la confessione dello zio , appare piuttosto buffa per confezione e approccio, un po’ come leggere un giallo sapendo già chi è l’assassino.

Pochi sospetti sullo zio, qualcuno in più sugli amici e le frequentazioni della scomparsa, tanti anatemi invece verso internet, facebook e la società virtuale del terzo millennio. Tra tanti dubbi dei vari ospiti l’unica certezza: internet ha i denti e può morderci in qualsiasi momento. Che internet e i social forum siano un potente mezzo da usare con la giusta diffidenza e cum grano salis è fuori di dubbio, e che essere genitori al giorno d’oggi con una porta spalancata anche su possibili insidie e brutture è ancora più difficile.

Eppure il tentativo di trovare a tutti i costi una minaccia esterna al focolare domestico, che sia un rom, un straniero, un contatto su facebook, sembra quasi una autodifesa psicologica per non accettare l’ipotesi peggiore: che anche dove ci sono i legami di sangue il sangue può scorrere per davvero.

Martin Sileno (redattore)

Martin Sileno

collaudatore di illusioni, menefreghista e blogger

Ti potrebbe interessare anche...

3 Risposte

  1. MisterSil scrive:

    E adesso dopo l’annuncio della morte alla madre in diretta vai con i commenti, le analisi pseudopsico-socio-criminologiche ecc ecc.
    E pensare che 150 anni fa aveva già detto tutto il Manzoni: “Così fatto è questo guazzabuglio del cuore umano”.

  2. giodex scrive:

    Chi l’ha visto? Grande esempio di sciaccalaggio in diretta, qualcosa di veramente squallido. La conduttrice? Ha perso una buona occasione per diventare una grande conduttrice. Una grande conduttrice avrebbe sospeso la diretta dalla casa SUBITO.

    Per quanto riguarda lo zio della povera e bella 15 enne, dico solo che è un GRAN PEZZO DI MERDA (prendo questa frase da youtube e la sottoscrivo).

    Non credo meriti di morire, mi auguro viva a lungo ma soffrendo ….

  3. XXX scrive:

    Bel post, aggiungo solamente una nota polemica e cioè che la famiglia è il luogo nel quale in italia da molto tepo si muore di più rispetto a tutti gli altri fenomeni criminali, nondimeno per diverso tempo è sembrato che l’emergenza sicurezza (tra violenza, stupri ed assassini) si collocasse al di fuori del contesto famigliare. Non è che adesso mi aspetti che si parli di ’emergenza famiglia’ (se non per problemi come il quoziente famigliare e l’assistenza sociale primaria) ma è evidente che le trasformazioni culturali, sociali ed economiche del nuovo millennio impongono una riflessione su quanto la famiglia così come intesa anche nel nostro ordinamento giuridico sia adeguata ad accogliere gli affetti ed i legami delle persone, piuttosto che costringerli in un’unione stardardizzata e poco flessibile alle nuove esigenze delle persone.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)