Gianfranco Fini

Il a otto bracci, ecco cos’era quello che nella mia infanzia credevo un giocattolo, pur prezioso. Era una fila di otto seggioline, di argento brunito, che potevano contenere candele, l’unico oggetto che mia madre conservava di mia , che era di Ferrara.
Non ho mai conosciuto mia nonna perchè è morta nel 1946, sei anni prima che io nascessi. Ma so che era di Ferrara, dove c’era una fiorente comunità . E si chiamava Navarra. Mia madre non mi ha mai detto nulla in proposito. Ma chissà, un’origine ebraica ci può anche stare.

I termini più cercati:

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)