Nessuno scrive al colonnello

Nessuno scrive al colonnello

di Gabriel Garcìa Màrquez

Il colonnello di questo racconto di Màrquez è un personaggio potente, di quelli che lasciano il segno. Un militare canuto, tignoso, cocciuto, attaccato all’illusione di ottenere prima o poi un riconoscimento per aver dato anima e sangue nella Rivoluzione. Il suo pellegrinaggio all’ufficio postale, ogni sacrosanto venerdì per 15 lunghi anni nell’attesa di una lettera che annunci finalmente l’agognata pensione di guerra, ha un che di commuovente e angoscioso al contempo.

L’attesa. E’ su questo stato d’animo che si basa tutta la narrazione, capace di mangiarti vitalità e carne, esemplificata da quel gallo a cui il colonnello si lega nella speranza un giorno di farci qualche soldo nei combattimenti clandestini tra pennuti, togliendosi il pane di bocca pur di mantenere vivo e ruspante il bipede, nonostante la moglie arrivi ad odiare quella cresta, quel becco e quegli occhi senza intelligenza. Il gallo rappresenta per il colonnello il ponte tra un futuro migliore ed il passato di cui fa parte il figlio morto a cui l’animale apparteneva. Nel contrasto tra la speranza che diventa utopia e la malinconia per un passato duro e sanguinoso ma comunque onesto, si consuma l’attesa del vecchio che non potrà che condurlo alla morte senza soddisfazione.

L’ottimismo stoico dell’idealista in un contesto che sembra accartocciarsi sul protagonista come la sua pelle grinzosa, mi ricorda da vicino alcuni personaggi del Verga come il Mastro Don Gesualdo che per quanto si dibatta e si dia da fare non potrà mai  innalzarsi dalla propria condizione.

Una durissima lezione che proviene dal Sud America, lontano anni luce dal sogno americano a stelle e strisce nella cui mitologia chiunque può diventar qualcuno se solo lo vuole con sufficiente forza di volontà.

Editore: Mondadori

Collana: Oscar scrittori moderni

Anno: scritto nel 1961

Pagine: 76

Prezzo di copertina: euro 8,50

ilibricheleggo.blog.tiscali.it

I termini più cercati:

Rudy Basilico Turturro (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)