L’onda del nucleare

FukushimaIl problema , è giustamente nelle prime pagine di tutti i giornali: gli effetti del prima, e del conseguente hanno innescato una reazione a catena che sta mettendo in difficoltà il e che ha gia fatto migliaia di morti.

Ma sull’avvenimento c’è qualcosa da dire: è stato un’evento straordinario e poco prevedibile:8,9 gradi della scala Richter non si vedevano da oltre 140 anni, e se ai terremoti ci si abitua, specie in Giappone, dove tutti sono al corrente degli eventi e sanno come difendersi, poco si può fare per gli effetti di uno .

Nota di merito ai giapponesi, che con la proverbiale calma e compostezza che li contraddistingue hanno tenuto duro nonostante i problemi e le perdite, che verranno difficilmente ripristinate in breve tempo.

Quello invece che non piace, almeno al sottoscritto, è la levata di scudi contro il nucleare  in Europa: se è pur vero che il nucleare ha i suoi pericoli, qui ci troviamo di fronte a un caso  straordinario, e sopratutto a un sisma di inaudita potenza: basti pensare che le giapponesi erano progettate per resistere a sismi dell’ottavo grado della scala Richter, ma il fato ha voluto che questo sisma fosse quasi del nono, e in piu coadiuvato da un maremoto di inaudita violenza.

Spegnere le centrali come vuole fare la cancelliera tedesca Merkel, è solo un cavalcare l’onda emotiva senza una reale necessità, anche perchè l’energia elettrica prodotta, serve, eccome.

Ci si lamenta tanto del costo del petrolio, e dalla dipendenza dai paesi produttori, e la crisi in Libia con il conseguente aumento del costo del petrolio, ne è un caso lampante, ma dare un taglio al nucleare servirà solo a sortire l’effetto opposto.

E non si dica che in Italia non si debbano costruire delle centrali, purtoppo volenti o nolenti ce le abbiamo al confine: ne abbiamo gli svantaggi (i pericoli in caso di ) senza averne i vantaggi: l’energia, che compriamo a caro prezzo dalle nazioni che hanno le centrali, persino finanziandole al 100% nei paesi dell’est europa.

Purtroppo se si vuole chiudere col nucleare (scelta a mio avviso fortemente sbagliata) lo si deve fare globalmente, farlo localmente giova solo a chi chiude la baracca per ultimo.

Brian Boitano (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)