Valanghe di letame sul PDL, quando i fiori?

Valanghe di letame sul PDL, quando i fiori?Il risultato dei delle amministrative nelle grandi città capoluogo è stata una batosta per il Popolo della Libertà e in particolar modo per Silvio che, anche se non lo ammetterà mai, ci ha messo la faccia e il carico da novanta facendo assumere a delle elezioni locali un grande valore nazionale. Una celeberrima canzone di Fabrizio De Andrè diceva “dal diamante non nasce niente, dal letame nascono i fiori”. Per ora di fiori se ne vedono ben pochi ma di letame ce n’è in abbondanza nel PDL.
Bondi si è già dimesso prima che glielo chiedesse Bersani che giustamente ha iniziato dal suo capo, Berlusconi.
Berlusconi probabilmente non si dimetterà mai ma sarebbe ancor più distruttivo per l’attuale maggioranza e per il governo se non si facesse spuntare almeno un piccolo germoglio da questa valanga di maleodorante letame.
Si dirà che al di là del peso nazionale che gli si vuol dare da una parte e dall’altra rimangono pur sempre elezioni locali particolari, dove non si capisce nemmeno perché esulti il PD visto che i candidati che hanno sfondato sono quelli che hanno schiantato i democratici alle primarie del centrosinistra (non ce n’è nemmeno uno del PD) ma sarebbe deviare l’attenzione dalla vera questione: il Popolo della Libertà va raso al suolo e ricostruito partendo da presupposti diversi.
In queste ore si parla di cambiare il nome, di cambiare il simbolo, di fare le primarie, congressi, stati generali, tutte cose che agli italiani interessano poco, che servono sono a sciacquare la coscienza e alimentare la voglia di rivalsa di chi adesso non è annoverato tra i “colonnelli” del partito ma ambirebbe a diventarlo.
L’unico che può cambiare il partito con la rapidità che richiede questo momento è Silvio Berlusconi, magari facendo un passo indietro, magari togliendo la propria figura ingombrante in primo piano e trasformandola in una figura di supervisore, di “padre nobile”, di collante tra le diverse anime ma senza ruoli operativi.
Non si creda al nuovo che avanza o che deve per forza avanzare come si sbandiera nel centrosinistra, ma si facciano da parte coloro che autoproclamatisi condottieri del partito lo hanno sì condotto ma verso il precipizio con esercizi di arroganza e figuracce a ripetizione.
Il Paese non ha un’opposizione, non può permettersi di non avere anche una maggioranza.
Forse durerà poco visto che è sostenuto da forze molto diverse e in parte anche litigiose, un microcosmo che riproduce in piccolo i difetti del Governo Prodi.
Forse è solo frutto di una voglia di antipolitica che può bastare per suscitare entusiasmi ma non basta per amministrare e tutti i suoi enormi problemi.
Forse sono solo elezioni locali e non è cambiato nessun “vento”. Forse. Ma nonostante tutto il PDL deve cambiare, per i suoi elettori che ci hanno creduto e ci credono e non sono tutti dei decerebrati al soldo del Cavaliere, lo deve ad un Italia che non può continuare a galleggiare su una barca che ondeggia nei marosi dell’eterno conflitto mentre le altre nazioni europee viaggiano a vele spiegate verso la .
Se il prezzo da pagare per dare all’Italia finalmente un centrodestra , riformista, attento al mercato e alla pressione fiscale, liberalizzatore e aperto alle nuove tecnologie è quello di non vincere subito per costruire un futuro, ben venga, anche senza il padre carismatico perché la gratitudine è dovuta ma la sudditanza alla lunga è un freno alla modernità.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

5 Risposte

  1. MisterSil scrive:

    Il PDL deve tornare alla sua anima originaria, quella di forza outsider, antiestablishment, che ne faceva una forza rivoluzionaria. Se si appiattisce e si lascia addomesticare perde la ragione stessa di esistere. In tutti questi anni, e anche in questa tornata elettorale a Milano, abbiamo visto che l’establishment italiano (vedi alle voci Bassetti, Profumo, Bazoli, Passera ecc.) non vuole nessuna riforma ma solo mantere lo status quo e sta dall’altra parte. non per niente ha sempre diffidato del Cavaliere, visto come un parvenu.

  2. Scovaservi scrive:

    Forza Italia è una azienda che si è fatta partito, mentre il pdl è nato per volere di un solo uomo allo scopo di non perdere le elezioni politiche, le quali sarebbero state certamente perse da FI e AN se il pdl non fosse nato. Da 30 anni si blatera di riforme che non vengono mai fatte, nemmeno da quei governi, di centrodestra, che hanno dominato con maggioranze bulgare (e caso strano a colpi di fiducia e decreti).
    In questi anni di berlusconismo l’unica cosa certa è che ogni sforzo del governo è servito ad alimentare le casse di pochissime persone, e ad impedire la galera ad una sola persona, che però non si è mai preoccupata di mostrarsi innocente, figuriamoci ‘dimostrarsi’ tale nei tribunali.
    Davanti a questa realtà tu fai finta di niente e ne parli come se fosse tutto normale, come se ci fosse aderenza tra il manifesto del partito e le sue effettive attività, o che berlusconi vuole evitare ed ha evitato la galera, ormai certa, perchè non esiste la dimostrazione della sua colpevolezza che lui ed il suo partito impediscono di accertare in tutti i modi (senza dare peraltro rassicurazioni sulla sua innocenza). Vieni a parlarci di liberalismo, progressismo, abbassamento delle tasse, democrazia…. e non riesci a vedere, o fai finta, che esiste una grottesca dissonanza tra questa presunta identità dottrinale ed il modo in cui il partito potrebbe essere rilanciato, cioè da un solo uomo, attraverso un solo uomo, e secondo i desiderata di un solo uomo. Tutto bello, tutto normale.
    Ma probabilmente stai cedendo perchè ci dici anche che non sono tutti decerebrati al soldo del cavaliere, il che vuol dire che alcuni (quanti non ce lo dici) lo sono.
    Io mi permetto solo di dissentire da questa stima perchè leggendo queste buffonate mi riesce difficile immaginare che esista qualcuno dotato di cervello. Il che eventualmente non gli impedirebbe di essere un miserabile servo. Ciao

  3. symbel scrive:

    La frase “non sono tutti decerebrati al soldo del Cavaliere” aveva come implicita conclusione “come sostengono quelli che commentano nei blog con email finta e nickname sconosciuto”

  4. Scovaservi scrive:

    Se vuoi una email vera vorrei prima sapere cos’è che hai bisogno di comunicarmi relativamente al contenuto del mio commento che non possa essere pubblicato qui, davanti a tutti. Per quanto riguarda il mio nick voglio che sappia che il tuo non è molto più conosciuto del mio, anche se io non ho un blog con il quale posso controllare e registrare gli indirizzi IP di chi legge e commenta da una posizione privilegiata rispetto al pubblico, e naturalmente censurarlo quando non mi piacciono le sue risposte. Ah dimenticavo, ottima rosicata

  5. Paparazzi scrive:

    Fiori? Na passara e cropusu.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)