Primarie o non primarie?

Primarie o non primarie?Ormai è ufficiale, il farà le , con qualche anno di ritardo rispetto al .
Quando nel marzo del 2005 l’Unione allora guidata da Romano e sostenuta in questo senso da primo promotore, per le elezioni regionali, utilizzò le Primarie, sinceramente mi scappò da ridere.
Le primarie?
Come in America?
Ma scherziamo?
Poi su scala nazionale lo stesso strumento incoronò Prodi come candidato per la presidenza del Consiglio, erano gli ultimi mesi del 2005.
Anche tra gli elettori di centrosinistra le perplessità erano molte, espresse in modi differenti ma alla fine una decisione si prese e fu quella appunto di far scegliere alla “base” i candidati locali e nazionali.

Ora, nel 2011, dopo la batosta elettorale delle amministrative, le primarie, panacea di tutti i mali, rispuntano fuori ma questa volta in sponda PDL.
Le perplessità rimangono, soprattutto se si prendono come riferimento le modalità collaudate nel centrosinistra e presenti nello statuto del PD.
Alla modica cifra di 1 euro da presentare al seggio al momento del voto un finto elettore del centrodestra poteva tranquillamente dare la propria preferenza ad un Mastella o altro outsider giusto per dar fastidio alla candidatura dominante. Che dire poi della ridicola chiamata “alle armi” quando già tutto era deciso con Prodi prima e i suoi successori in seguito? E del fatto che essendo espressione di una pratica di partito non supportata dai controlli che garantisce lo Stato c’è un altissimo rischio di brogli e una certificazione praticamente nulla del voto?
Tutti aspetti che hanno suscitato l’ilarità di molti, soprattutto nel centrodestra, non solo tra i politici ma anche tra i giornalisti simpatizzanti a destra e antipatizzanti la sinistra.
Oggi invece sono tutti d’accordo per le primarie. Anzi per molti nel centrodestra sono indispensabili.
Silvio sembra a favore, il neosegretario pure, molti dei colonnelli non hanno posto il veto e i giornali amici chiedono quasi all’unisono le benedette primarie. Persino i blog orientati a destra chiedono a gran voce sulle loro pagine le consultazioni di partito e promuovono campagne su , alla stregua degli attivisti di sinistra maestri in queste iniziative virali.
Le perplessità però rimangono anche se i giudizi di merito andrebbero differenziati a seconda dello scopo per il quale verranno chiamati ad esprimersi “i simpatizzanti” di centrodestra.
Sì perché eleggere un rappresentante provinciale o regionale, persino un candidato sindaco in una rosa di nomi può essere utile alla causa e per nulla scontato, se ne è accorto anche il PD con i casi Pisapia e De Magistris, posso arrivare ad immaginarlo per l’elezione del segretario di partito, anche se con difficoltà, mi riesce difficile immaginarlo per l’indicazione del candidato Premier.
Non siamo in infatti, la nostra legislazione non prevede l’elezione diretta del Capo del Governo da parte del popolo e di conseguenza non ne contempla nemmeno uno strumento come quello delle Primarie.
Il giudizio rimane sospeso, in attesa di capire quale sarà il regolamento (Giuliano Ferrara sul Foglio grande sostenitore delle primarie nel PDL propone già una sua bozza di regolamento) e soprattutto se saranno solo primarie di partito o anche di coalizione, coinvolgendo quindi la Lega, la Destra di Storace e, fantapolitica per fantapolitica, magari anche il , a meno che non voglia partecipare a quelle del Centrosinistra.

symbel (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

1 Risposta

  1. Ruby scrive:

    Le primarie sono solo un cavallo di troia.
    La verità è che più d’uno s’è stancato, se non di Berlusconi, della sua egemonia. In tanti sperano che si metta a fare il padre nobile del partito (fare il Presidente della Repubblica pare impossibile), e che lasci spazio a nuove persone e nuove idee.
    Ma essendo questa una bestemmia, nessuno la pronuncia ad alta voce. Meglio chiedere le primarie, termine in voga e che gode dello scudo della “democraticità”, e che desta meno sospetti di regicidio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)