Falling Skies

Falling SkiesE’ arrivata anche in Italia la nuova serie , con lo zampino di Steven Spielberg. Stasera sono andate in onda su le prime due puntate delle dieci programmate nella prima stagione.

La storia tratta di un’, tralasciando la fase dell’attacco e facendoci intuire la superiorità tecnologica degli invasori che hanno portato a spazzare via in soli 7-8 mesi ogni resistenza organizzata sulla Terra. Quel che rimane sono sparuti drappelli di militari, che tentano di riorganizzarsi alla buona nel disperato tentativo di resistere ed un giorno passare al contrattacco. Con la fine delle entità statuali e governative così come siamo abituati a conoscerle, è naturale che l’unica realtà organizzata che rimanga sia l’esercito, da sempre un para-Stato difficilmente controllabile anche fuori dalla . A questi nuclei di combattenti lentamente vanno ad agglomerarsi i civili, alla ricerca di protezione e guida.

Le premesse non sono originalissime, e film del genere se ne sono visti a bizzeffe. Ahimè a questo si aggiunge un difetto comune alle e non solo, ossia la smania di imbastire cataclismi universali per poi abdicare all’opportunità di una narrazione altrettanto ambiziosa. Sia in Walking Dead che in Falling Skies, zombie ed alieni rimangono sullo sfondo e potrebbero più o meno intercambiarsi che la trama non ne risentirebbe granchè. Il nocciolo della serie sta nelle relazioni tra i protagonisti, che si trovano in situazioni estreme e cercano in qualche modo di salvare la pellaccia. I mostri stanno sullo sfondo, e per lunghi tratti addirittura scompaiono dalla storyboard. Il perché di questa scelta? La difficoltà di una narrazione che includa le grandi scelte dell’umanità di fronte a cataclismi simili; il ridurre al minimo i costi per gli effetti speciali (che comunque sono di buona fattura quando chiamati in causa); fidelizzare il pubblico ai personaggi, proponendo delle telenovelas del terzo millennio.

Così facendo, è quasi scontato inciampare in characters già visti. Come il professore di storia con piglio da leader illuminato, che nei suoi discorsi infila lezioncine (sempre abbozzate e mai complete) e tutti attorno che sbuffano annoiati; non siamo lontani dall’irreprensibile sceriffo di Walking Dead, eroe ed altruista per definizione. Poi c’è il medico, stavolta donna. Un medico non può mai mancare, ed il Jack di Lost ne è solo uno tra gli ultimi esempi. Il giuramento di Ippocrate sembra donare un’aurea da santità a questi personaggi, mai uno che sacrifichi una vita, che venda un organo, sfrutti la sua posizione o prenda una cantonata. No, loro sono capaci di operare a cuore aperto con un coltellino svizzero mentre intorno c’è il finimondo, e contemporaneamente dispensare ordini e buoni consigli, oltre che flirtare col belloccio di turno.  Poi c’è la canaglia, che scommetto prima o poi si redimerà (vero Sawyer?). Poi c’è il bambino biondino uscito dai cioccolatini Kinder. E l’adolescente scapestrato che fa scelte stupide che mettono a repentaglio il gruppo. E poi c’è il capo burbero che però burbero non è ma solo un buono indurito dalle difficili scelte che deve continuamente fare. E poi, e poi, e poi.

Nulla di nuovo sotto il sole, seppure si tratti di una serie che si lascia guardare soprattutto per chi ha interesse per la fantascienza. Intrattenimento più che sufficiente, ma non aspettatevi nulla di originale.

Rudy Basilico Turturro (redattore)

Ti potrebbe interessare anche...

4 Risposte

  1. symbel scrive:

    Nel terzo e quarto episodio il mostro c’è eccome per lunghissimi tratti certo non come la Minetti ma io darei ancora qualche chance a questa serie di ottima fattura ma pur sempre con la moralina all’americana. Anche i produttori devono campare dalle prime serate.

  2. Rudy Basilico scrive:

    Il concetto stesso di prima serata è VECCHIOOOOOOOOOO

  3. Rudy Basilico scrive:

    E a scanso d’equivoci, forse dalla mia recensione traspare un bocciatura. Ma così non è.
    E’, come dici tu, un prodotto di ottima fattura che si lascia guardare con piacere lappando un Liuk. 10000 volte meglio di qualsiasi thriller di RaiDue, o altre porcherie che circolano nella rete generalista.
    Rimane il fatto che la mia serie ideale sugli alieni non seguirebbe il percorso preso da FS (ovviamente giudico solo le prime due puntate).
    La grossa pecca è che, ripeto, alieni zombie o vampiri ben poco cambia. Sarà sempre una storia di survivors che flirtano tra loro. Mentre le domande che mi pongo io sono sempre del genere: dove cazzo è Obama?
    Mi piacerebbe una storia che, di fronte ad eventi planetari, tratti le sorti dell’umanità e non di un singolo gruppetto. Voglio la POLITICA. Dove cacchio è la politica???
    Il riferimento non può che essere ad Invasione di Turtledove.

  4. HappyCactus scrive:

    Neppure a me ha convinto, e hai centrato a pieno il nocciolo della questione: gli alieni sono la scusa per tracciare le solite storie tra i vari personaggi, ma manca quel qualcosa che ti incuriosisce, manca di “sense of wonder”. Gli alieni sono la scusa, ma se fossero zombie o blob, poco cambierebbe.
    Non so voi, ma ricordate invece l’impressione del primo “visitors” ? io si. Sarà che ero piccolino, ma il fascino di quella serie mi è rimasto come modello, e Falling Skies, nonostante i bellissimi promo, non ha mantenuto la promessa.
    Ma giudicheremo tra due-tre puntate.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)