La Guzzanti condannata, vincono le donne

Sabina Guzzanti condannata, ma a vincere sono le donne è stata in primo grado a versare 40.000 euro a , per averla diffamata nel 2008, quando disse – durante il No-Cav Day – che l’allora ministra delle Pari Opportunità aveva fatto carriera politica concedendo le proprie grazie. Lo disse in maniera più brutale di così a dire il vero. La Carfagna a quell’insulto sgranò ancoro di più i suoi occhi spiritati e scelse la via della querela. Allora si disse, pur di giustificare l’ingiustificabile e l’insulto infamante, che si trattava di satira. Il giudice evidentemente si deve essere divertito quanto la Carfagna.

La famosa solidarietà femminile non trovò nessuno sbocco, il “se non ora quando” era ancora al di la da venire (altrimenti, ipotizzo, avrebbero preso le difese di Sabina), i pochi che a sinistra non si accodò furono Ritanna Armeni e Piero Sansonetti, quest’ultimo etichettò l’uscita livorosa di Sabina Guzzanti per quello che era: una gretta accusa sessista.

Badate bene: non si tratta di difendere l’operato politico, invero impalpabile, di Mara Carfagna, né tanto meno di fiancheggiare una politica tardo-berlusconiana che ha puntato quasi tutto su una politica di immagine e di rappresentanza, lasciando i contenuti in un cassetto. Si tratta bensì di poter affermare che se una donna bella e magari appariscente ottiene un posto di prestigio, è perché è stata più brava di altri, senza fare a tutti i costi l’equazione Bella e Potente = L’ha Data a Qualcuno. Il perché è semplice, perché puzza di maschilismo greve e che a mio modo di vedere nasconde anche punte di misoginia, che non fanno certo onore una società civile che punta a riconoscere alla donna un ruolo paritario anche nei fatti oltre che nelle intenzioni. Non basta predicare bene con le quote rose e razzolare male approvando l’insulto sessista. Ciò che sconcerta sul serio è che siano le donne stesse, o meglio alcune di esse, a alimentare questo retropensiero, vuoi per invidia, per superficialità o per mera opportunità politica.

Se aguzzate la vista noterete che sono gli stessi che hanno messo al primo punto della loro agenda le dimissioni della igenista dentale Nicole Minetti. La quale, come tanti altri, non ha probabilmente le capacità per ricoprire un simile incarico, ma è risibile  pensare che un gesto simile possa emendare il vitalizio e i vizi di una intera categoria.

Martin Sileno (redattore)

Martin Sileno

collaudatore di illusioni, menefreghista e blogger

Ti potrebbe interessare anche...

2 Risposte

  1. Hybris scrive:

    tutto giusto, ma che c’entra poco con la realtà dei fatti: se io dico ad uno che ha rubato che è un ladro sono passibile di querela in quanto mi devo limitare a dire che in quella circostanza quel tipo ha commesso un furto… differenza giuricamente significativa, ma sostanzialmente irrilevante… applicato alle due “politiche” in questione porta al risarcimento imposto (per ora) alla Guzzanti

  2. otteccuppac scrive:

    giustissimo…quello che fa più male è proprio quando una donna usa certi termini contro un’altra donna dimostrando d’essere gretta e di fomentare il maschilismo…a nessuno viene mai in mente di dire ad un uomo che il posto in cui sta l’ha avuto perchè è un put..ano, e nessuno mai dovrebbe dire o pensarlo di una donna, visto che il proprio corpo è cosa privata sia per lui che per lei e ne usano come pare e piace senza doverne rendere conto a nessuno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

More in Immagini

(1 of 981 articles)